Ugg, come vestire una scarpa senza tempo

Ugg, come vestire una scarpa senza tempo

È sicuramente uno dei lati positivi dell’inverno: con l’arrivo dei mesi freddi posso portare ai piedi lo scarponcino più trendy e inconfondibile di sempre. Sto parlando delle Ugg naturalmente, le calzature in pelle di montone che hanno letteralmente conquistato tutte le fashion addicted alla ricerca di una scarpa super confortevole e dallo stile originale. 

Da Rihanna, a Sarah Jessica Parker, passando per Jessica Alba e Beyoncé, sono tantissime le celebrities e i personaggi del mondo dello spettacolo che hanno un debole per questi boots davvero speciali. Questo blog, però, è dedicato a tutte noi ‘comune mortali’, alla ricerca dell’outfit giusto. Ma andiamo con ordine, e iniziamo con un po’ di storia.

Oggi sono popolarissime in tutto il mondo, ma l’origine di questo accessorio è piuttosto esotica, e legata ad un luogo molto particolare. Per scoprire dove questi scarponcini sono nati, dobbiamo infatti guardare alle incantevoli spiagge del ‘Continente Nuovissimo’ e fare un viaggio indietro nel tempo fino agli anni ‘70. Ebbene sì, è proprio l’Australia dei surfisti la patria degli scarponi Ugg. Vennero infatti inizialmente realizzati come accessorio per i surfer che avevano bisogno di una calzatura capace di asciugare in poco tempo i piedi dopo le sessioni tra le onde. Dall’Oceania, vennero esportate in California, e poi nella East Coast e a New York. Un viaggio che ha portato questi accessori da surfista a trasformarsi in calzature confortevoli e in veri e propri simboli del look casual chic.

I diversi modelli

Come spesso accade per un prodotto che vanta più di 30 anni di storia, la casa madre ha prodotto numerosi modelli diversi, alcuni dei quali anche molto distanti dalle calzature originali. Basta dare un’occhiata alle offerte dei migliori rivenditori online per restare sommerse dalle possibilità di scelta: ce n’è davvero per tutti i gusti! Vi scrivo subito quelle che mi hanno colpito di più, le ho trovate sulla vetrina di Quellogiusto, un negozio di scarpe su cui navigo spesso per il mio shopping online.

  • Le classiche, color camoscio e dal look semplice e sobrio, saranno sempre in cima alla mia classifica personale.
  • Gli scarponi neri con pelliccia sull’orlo, davvero adatti a un look invernale molto trendy.
  • I modelli colorati che consiglio a chi ama giocare con le diverse tonalità anche durante i mesi freddi. Tra le diverse scarpe Ugg io preferisco quelle color blu cobalto, visto che si intonano molto bene con i classici jeans denim.

Insomma, avete davvero l’imbarazzo della scelta. Le caratteristiche essenziali sono però rimaste le stesse per tutti i modelli: tomaia dalle linee tondeggianti in pelle, e vello di lana interno.

Come indossarle? Due idee per l’inverno e la primavera

Chiudiamo il blog con la questione più interessante: come vestire le Ugg al meglio? Il mio primo consiglio è quello di indossarle con un paio di pantaloni, anche jeans e una semplice maglietta o una felpa larga. Un look semplice e originale, confortevole e dallo stile casual e trendy. Tra le celebrities che hanno optato per questo outfit ci sono Kim Kardashian West e Selena Gomez, di loro potete fidarvi!

Il secondo consiglio è rivolto a chi vuole portare queste scarpe anche con l’arrivo della primavera. Le vere amanti di questi comodissimi scarponcini non rinunciano a indossarle anche con i primi mesi di sole. Le Ugg vanno benissimo con un paio di leggings. Scegliete il modello classico, in colore camoscio, oppure giocate con le tonalità più sgargianti e create una combinazione accattivante con il vostro pantalone. Il risultato è garantito!

Ugg sweetlavanda

Related Post

6 Comments

  1. Sono troppo carine ai piedini della tua cucciola. Baci!
    https://chicchedimamma.com/

    1. grazie <3

  2. Mi fanno impazzire specialmente indossati dalle bimbe.
    Nuovo post “Giacca Vingino: la scelta di Stella” ora su https://www.littlefairyfashion.com

    1. curiosaaa <3

  3. Cute Uggs.

    Bernie, xx
    The Style Fanatic

    1. <3 kiss

Leave a Reply